Il vaccino ci renderà tutti OGM? NO

Anche diverse persone in camice bianco hanno diffuso l’idea (paura?) che questo vaccino, per il solo fatto di essere “genetico”, potrebbe modificare il nostro DNA e quindi trasformarci in Organismi Geneticamente Modificati.

La riposta è NO, ma questo NO va spiegato bene. Proviamo a farlo per punti. 3 punti:

1⃣ Il primo punto è una premessa.

Noi siamo tutti già geneticamente modificati. Non solo infatti siamo diversi (anche geneticamente) dai nostri genitori, ma soprattutto 1/3 del nostro DNA è formato da decine di migliaia di “retrotrasposoni” (LINE-1, Alu, …), che altro non sono che resti di infezioni virali che negli ultimi 80 milioni di anni sono vissuti alle nostre spalle e che ancora oggi, almeno in parte, mantengono la capacità di spostarsi o duplicarsi nel nostro DNA. Quindi siamo già geneticamente modificati e il nostro DNA continua a modificarsi, anche a causa di questi resti di infezioni virali che si perdono nella notte dei tempi. Interessante il fatto che nessuno di questi retrotrasposoni però derivi da vecchie infezioni da coronavirus.

https://www.nature.com/articles/nrg2640

2⃣ Il secondo è teorico. 

In breve, è pur vero che l’uomo è andato sulla luna, ma né io né voi saremmo in grado di andarci per oggettiva mancanza di mezzi (non solo infatti serve una specifica preparazione fisica, ma serve anche una navicella spaziale idonea e una base di lancio, un sistema di allunaggio, etc). Quindi, sebbene tutti noi potremmo, in via teorica, andare sulla luna e magari anche creare una colonia, gli oggettivi problemi tecnici rendono la cosa più che improbabile.

Lo stesso vale per il nostro vaccino a mRNA: in linea teorica potrebbe integrarsi nel nostro DNA (pur sempre di materiale genetico si tratta), solo che non ha i mezzi per farlo e quindi non lo fa. Per chi fosse interessato a capire meglio cosa servirebbe al nostro mRNA per integrarsi nel nostro DNA, nell’infografica e in calce è spiegato cosa succede con un virus a RNA che è effettivamente in grado di entrare nel nostro DNA: l’HIV, il virus dell’AIDS, e il perché la stessa cosa non possa succedere con il vaccino.

3⃣ Il terzo è sperimentale.

Dagli anni ’90 studiamo i vaccini a DNA e mRNA, non solo per capire se e come funzionano, ma anche per stimare i vari rischi, tra cui quello che il loro materiale genetico si inserisca stabilmente nel nostro DNA. I dati ci dicono che il DNA del vaccino può persistere nelle nostre cellule anche fino a 6 mesi, ma comunque NON si integra nel nostro DNA. La probabilità che questo avvenga è infatti 1.000 volte più bassa di quella che la cellula subisca delle mutazioni genetiche naturali.

Questo DNA inoltre non gira per l’organismo, ma resta localizzato al sito di iniezione e lì attiva la nostra risposta immunitaria, quindi, anche nella remota possibilità che si dovesse integrare in qualche cellula muscolare, è di fatto impossibile trasmetterlo ad un eventuale figlio.

Questo ci permette quindi di concludere con una certa tranquillità che i vaccini a DNA sono, da questo punto di vista, sicuri.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/8546411/
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11251382/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5439223/

Qui però voi direte che abbiamo un vaccino a mRNA e non a DNA. Giusto! Quindi?

Quindi, se il DNA sopravvive nelle nostre cellule alcuni mesi, quanto sopravvive invece un mRNA? 12-48 ore massimo.

Siccome l’RNA non può integrarsi così com’è nel nostro DNA, l’mRNA del vaccino è capace di trasformarsi in DNA? No.

Se sei un biotecnologo, aiutaci, entra anche tu a far parte di #Biotecnologitalianiwww.biotecnologitaliani.it
________________

HIV VS mRNA del vaccino contro #COVID19

HIV è capace di integrarsi nel nostro DNA, ma non è una cosa banale. Il primo passo per l’HIV è fare in modo che il suo RNA diventi DNA. Per farlo servono almeno 3 cose: un enzima (Trascrittasi inversa) capace di trasformare l’RNA (a singolo filamento) in una doppia elica di DNA, un innesco per il processo (e questo il virus lo ruba dalle nostre cellule, un tRNA che usa come “primer”) e infine delle sequenze specifiche sul proprio RNA (Primer Binding Site, PBS) che permettano al primer di attaccarsi e all’enzima di trasformare l’RNA virale, e solo quello, in DNA.

Non è finita qui. A questo punto è necessario che questo nuovo “DNA virale” entri nel nucleo delle nostre cellule e vada a contatto con il nostro DNA. Il processo non è banale è infatti il virus si è evoluto per creare un complesso di proteine (tra cui ad esempio quelle del Capside, l’involucro esterno del virus) che decorano il DNA e lo guidano attraverso i pori nucleari.

Una volta dentro usa un altro enzima, che si è portato da casa, un’integrasi per entrare finalmente nel nostro genoma. Per fare tutto questo il genoma dell’HIV è dotato di 9 geni che gli consentono di produrre ben 18 proteine che servono a portare a casa il risultato.

www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3325773

L’mRNA del vaccino per COVID-19, per contro, contiene solo la sequenza per produrre la proteina Spike di SARS-CoV-2 e attivare così la nostra risposta immunitaria. NON ha né la sequenza PBS né una trascrittasi inversa, non forma il complesso necessario a entrare nel nucleo della cellula e non ha un’integrasi per inserirsi nel DNA.

Inoltre, non da ultimo, essendo un RNA messaggero, in 12-48 ore massimo sparisce del tutto (l’mRNA infatti serve solo a portare istruzioni e, una volta “letto”, viene rapidamente degradato dalla cellula per far posto a nuove istruzioni).

https://www.nature.com/articles/nature10098

Immagine a cura di Rita Lauro.

Ecco il nuovo logo di Biotecnologi Italiani

Ecco il logo vincitore del concorso: “Disegna il nuovo logo di #Biotecnologitaliani”!

Con ben 868 su 1220 voti!

Ora il logo passerà ad un grafico per trovare la sua forma definitiva, che verrà svelata il 1/1/2021 con la nascita ufficiale di “Biotecnologi Italiani”!

Autori: Riccardo Riva, Roberta Rizzo e Tommaso Scarpa.

Le due aree (blu e rossa) rappresentano il mondo della ricerca e quello dell’impresa, unite al centro da una doppia elica di DNA al cui interno trova spazio una stretta di mano. La stretta di mano sta a rappresentare la comunità dei biotecnologi che fa da ponte tra i due mondi, consentendo loro di parlarsi e di crescere.

Il significato che si intende trasmettere è quello della cooperazione, del supporto reciproco e dell’unità della comunità dei biotecnologi, che mette le proprie competenze al servizio dell’innovazione e dello sviluppo.

Webinar 25 Novembre

Sei un biotech alla ricerca di fondi? Ecco l’appuntamento che fa per te!

Ti aspettiamo mercoledì 25 novembre, alle ore 21:00

? Progettazione Europea e identificazione di finanziamenti per R&S

? Dania Della Giovanna – Servizio R&S, Direzione Centrale Tecnico Scientifica Federchimica

Registrati su: https://biotechwebinar.eventbrite.it

Questo è il settimo di 8 appuntamenti che ANBI e FIBIO hanno organizzato per approfondire diversi ambiti della professione del biotecnologo.

? Segnati già in calendario anche:

? Mercoledì 2 Dicembre 2020 h 21

? Biotecnologi Italiani: presentazione del nuovo logo e dei servizi/attività 2021.

Questi webinar sono riservati ai soci ANBI e FIBIO. Per maggiori informazioni sull’iscrizione: http://www.biotecnologi.org/iscriviti/