Posizione Lavorativa: Development Project Manager

Si informano i Soci che Azienda Farmaceutica italiana multinazionale con sede a Milano è alla ricerca di un/una “Development Project Manager”.

Requisiti essenziali per la considerazione della candidatura sono:

  • Esperienza pregressa di Project Management in aziende del settore
  • Piena conoscenza dei processi di Ricerca & Sviluppo Farmaceutico
  • 3-5 anni di esperienza nel ruolo

Per la visualizzazione completa della selezione

https://www.linkedin.com/jobs/view/563779191/

Posizione Lavorativa: Program Manager

Si informano i Soci che azienda leader nella produzione di materie plastiche biodegradabili da fonte rinnovabile, ricerca un/una Program Manager in possesso di laurea di secondo livello in chimica oppure chimica industriale, scienze dei materiali, ingegneria chimica, dei materiali, biotecnologie, scienze biologiche che svolgerà attività di supporto nella gestione dei progetti strategici, investimento e  formazione, aziendali.

In particolare sarà coinvolto:

  • nell’individuazione di bandi di finanziamento nazionali e internazionali per progetti di R&S, investimento e  formazione
  • nella predisposizione della domanda di agevolazione
  • nella pianificazione delle attività progettuali e supervisione delle attività tecniche
  • nel monitoraggio del budget dei costi dei progetti
  • nella predisposizione della reportistica di progetto

Completano il profilo la conoscenza di base delle tecniche di project management, esperienza di lavoro in gruppi di ricerca e/o gestione di gruppi di ricerca, competenze tecnico-scientifiche, spiccate doti organizzative, rispetto delle scadenzeflessibilità, gestione dello stress e ottima conoscenza della lingua inglese.

La risorsa sarà inserita nella funzione Pianificazione Strategica e Comunicazione Istituzionale.

Non sono previste attività di ricerca e sviluppo in laboratorio

La sede di lavoro è Novara

Ulteriori informazioni: http://www.novamont.com/leggi_posizione.php?id=6725&id_page=55&id_first=18

 

Un 2018 da Biotecnologi

Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2018 all’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani.

Il 2018 sarà un anno all’insegna della collaborazione all’interno dell’Associazione per fare squadra e portare, passo dopo passo, quel riconoscimento professionale e sociale che i biotecnologi meritano.

L’ANBI c’è, se ci sei tu.

Anche quest’anno, per il costo di un caffè alla settimana sarà possibile far parte dell’Associazione che, da oltre 15 anni, dà voce ai biotecnologi e si dedica al Riconoscimento Professionale, alla Formazione ed al Supporto Scientifico e Giuridico dei Biotecnologi.

Sarà inoltre possibile farlo anche in modo attivo partecipando ai Gruppi di Lavoro che ANBI sta predisponendo. Per questo, che tu sia un nuovo socio o un socio storico, ti invitiamo a compilare il form presente nella pagina di iscrizione e, se vuoi, di dare il tuo contributo non solo economico alla crescita delle biotecnologie in questo paese.

Ti aspettiamo!

European Biotech Week 2017 – Teramo

“Le ricerche nel settore delle biotecnologie trovano una sempre maggiore applicazione nella diagnosi e nella terapia tumorale. Le biotecnologie studiano la materia vivente e riescono a identificare nuovi meccanismi funzionali e bersagli molecolari che consentono di sviluppare nuovi strumenti per comprendere e risolvere un problema biologico, anche di natura complessa, come può essere il cancro”.

L’Università degli Studi di Teramo in collaborazione con l’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani presenta il convegno “L’Approccio Biotecnologico nella Diagnosi e nella Terapia del Cancro” con il patrocinio di AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

L’appuntamento è per Martedì 26 settembre alle ore  9.30  presso l’Università degli Studi di Teramo nell’Aula Magna Benedetto Croce ed avrà lo scopo di illustrare gli approcci biotech più recenti impiegati nella scoperta di nuovi biomarkers tumorali, nel disegno di nuovi farmaci biotecnologici per il trattamento del cancro, come inibitori della crescita tumorale o terapie immunologiche, e nella ricerca di nuovi marcatori genetici per lo screening dei tumori.

 

 

European Biotech Week 2017 – Bologna

ANBI – Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani, in collaborazione con Assobiotec, Cluster Tecnologico Nazionale SPRING e Università di Bologna, in occasione della European Biotech Week vi invita all’incontro-dibattito “La bioeconomia nella vita di tutti i giorni”.

L’appuntamento è per il 28 Settembre 2017 a partire dalle ore 10.30 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie, via Belmeloro 6, Bologna.

Programma:

10.45 Apertura (Mario Bonaccorso, Assobiotec; Simone Maccaferri, Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani)

11.00 Il caso di successo dell’acido levulinico (Pasquale Granata, GFB Biochemicals)

11.20 Bioplastiche e biomolecole da scarti vitivinicoli (Paola Galletti, Università di Bologna)

11.40 Enzimi per nuovi farmaci (Arianna Andreotti, Biosphere)

12.00 Dalla tecnologia al prodotto: gli SmartPilots (Ilaria Bonetti, Innovhub)

12.20 Tavola rotonda con gli stakeholder (Aster, Coldiretti, Università di Bologna, Assobiotec

13.15 Conclusioni

Registrazioni al seguente link 

European Biotech Week 2017 – Milano

ANBI, Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani con gli amici di Pro-Test Italia e Italia Unita per la Scienza, all’interno della European Biotech Week, promuove un incontro sugli OGM in cui si affronterà il tema nella sua interezza, dall’aspetto scientifico all’aspetto politico, passando dalla divulgazione.

“In Italia non solo sussiste un insensato divieto di coltivazione degli OGM, ma addirittura è proibita la ricerca su campo, restrizioni che non si basano su elementi scientifici ma su una paura irrazionale delle biotecnologie, e che rischiano di far perdere terreno all’Italia in uno dei settori più promettenti della ricerca e dell’innovazione futura”.

Appuntamento a Milano, presso OPEN di Via Montenero, il 27 Settembre a partire dalle ore 18.30 (locandina)

Insieme a:

• Chiara Tonelli
Prorettrice alla Ricerca dell’Università degli Studi di Milano

• Marco Cappato
Tesoriere Associazione Luca Coscioni

• Stefano Bertacchi 
Ricercatore di Biotecnologie industriali e autore del libro: Geneticamente Modificati (Hoepli)

• Daniele Colombo 
Segretario Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani

ScienceMarch Italia: ANBI c’è

Anche ANBI sostiene l’edizione nazionale della March for Science che si realizza nel giorno della Giornata della Terra 22 Aprile 2017 per appoggiare la ricerca scientifica e denunciare le pressioni che la minacciano con l’obiettivo di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche basate su solide basi scientifiche.

Gli appuntamenti in Italia sono a Roma, Milano, Caserta, Firenze e Potenza.

A questo link tutte le informazioni

#ScienceMarchIT

Davide Ederle nuovo Presidente ANBI

L’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani (ANBI) informa che a seguito dell’Assemblea Nazionale 2017, il Consiglio Direttivo dell’Associazione ha eletto come Presidente per il biennio 2017-2019 il Dr. Davide Ederle.

Davide Ederle è laureato in Biotecnologie agro-industriali presso l’Università di Verona e negli anni, oltre ad attività di ricerca, si è occupato di comunicazione scientifica e trasferimento tecnologico.

L’Associazione Nazionale dei Biotecnologi Italiani (ANBI) è un’associazione non profit di Biotecnologi attivi nella valorizzazione della propria scelta professionale, nella promozione dello sviluppo delle biotecnologie e della ricerca scientifica, nell’innovazione dei rapporti scienza e società.

A supportare Davide Ederle nel Consiglio Direttivo Nazionale:

Rita di Censo (Vice Presidente con delega alla Comunicazione) biotecnologa dell’Università dell’Aquila

Daniele Colombo (Segretario Generale) biotecnologo dell’Università di Milano-Bicocca

Simone Maccaferri (con delega al Riconoscimento Professionale) biotecnologo dell’Università di Bologna

Massimiliano Borgogna (Tesoriere) biotecnologo dell’Università di Trieste

Antonio Del Casale (con delega all’Organizzazione e ai Rapporti con le Imprese) biotecnologo dell’Università di Verona

Beatrice Dufrusine (con delega alla Formazione Continua) biotecnologa dell’Università di Teramo

Oscar Bortolami (consigliere) biotecnologo dell’Università di Padova

Elena Bondioli (consigliere) biotecnologa dell’Università di Modena